Processo Dell’Utri: via alla requisitoria

Pubblicato: ottobre 4, 2009 in marcello dell'utri e la mafia
Tag:

Una risposta per coloro che invocano i cosiddetti “teoremi” delle procure contro Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri, è arrivata. Una smentita forte dalla procura di Palermo che considera Massimo Ciancimino non attendibile nelle sue deposizioni sul caso Dell’Utri, che andrà in aula in ottobre per il processo d’appello sul concorso esterno in associazione mafiosa, reato di cui Dell’Utri, in primo grado è stato condannato a nove anni di reclusione.

Oggi sono state depositate le dichiarazioni raccolte dal pg Antonino Gatto, dichiarazioni che la Procura di Palermo non ha ritenuto convincenti e rilevanti ai fini della decisione del processo d’appello. La seconda sezione penale della Corte d’Appello di Palermo aggiunge inoltre che “Le dichiarazioni di Massimo Ciancimino su Marcello Dell’Utri non sono connotate dai requisiti di specificita’, utilita’ e rilevanza. Emerge anzi una notevole “contraddittorieta’ di Ciancimino su tutti i profili della vicenda”.

Allo stesso modo non verrà depositata la lettera, ritrovata in uno dei garage di Ciancimino, in cui Cosa Nostra chiedeva a Berlusconi una delle tre reti televisive. Gatto è stato così invitato dalla Corte d’Appello ad iniziare immediatamente la requisitoria per portare all’avvio il processo in appello, dove, viste le 1771 pagine della sentenza di primo grado del 2004, dovrebbero esserci elementi sufficienti per confermare la condanna all’ideologo di Forza Italia Marcello Dell’Utri.

Se veramente le procure, avessero seguito quei “teoremi” tanto cari a Feltri ed ai berluscones più accaniti, avrebbero portato tutte le testimonianze di Ciancimino, lettera compresa. Evidentemente non stanno seguendo nessun teorema, semplicemente stanno svolgendo un processo, secondo tutti i canoni del diritto. Forse è questo il ‘teorema’ che spaventa: il rispetto della legge.

Allo stesso modo, occorre seguire gli sviluppi delle inchieste sulle stragi che sono di competenza a Caltanissetta e Firenze e non a Milano e Palermo come sosteneva il premier Berlusconi la scorsa settimana, sempre a proposito di questi presunti teoremi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...