Processo Dell’Utri

Pubblicato: ottobre 4, 2009 in marcello dell'utri e la mafia
Tag:

articolo originale:
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=74500&sez=HOME_INITALIA

ROMA (25 settembre) – «Vittorio Mangano fu assunto nella tenuta di Arcore di Silvio Berlusconi per coltivare interessi diversi da quelli per i quali fu ufficialmente chiamato da Palermo fino in Brianza»: con questa dichiarazione il procuratore generale Antonino Gatto è entrato subito nel vivo della requisitoria del processo al senatore Marcello dell’Utri (Pdl) per concorso esterno in associazione mafiosa. Il parlamentare è stato condannato in primo grado a nove anni di carcere. Stamani, davanti alla seconda sezione della Corte di appello di Palermo, Gatto ha affrontato il tema dello “stalliere di Arcore”. «Ma davvero – si è chiesto il Pg – non fu possibile trovare in Brianza persone capaci di sovrintendere alla tenuta di Arcore? Davvero dall’estremo nord ci si dovette spostare a Palermo per trovare una persona che non conosceva la zona e le coltivazioni brianzole? In realtà non solo Mangano di cavalli e di coltivazioni non sapeva nulla: ma se guardiamo i suoi numerosissimi precedenti penali, gli interessi che coltivava erano di tutt’altra natura rispetto a quelli agricoli». Dell’Utri non era presente in aula. Ad ascoltare l’atto d’accusa del pg, i difensori dell’imputato, gli avvocati Nino Mormino, Giuseppe Di Peri e Pietro Federico.

Per il sostituto procuratore generale, Nino Gatto, Vittorio Mangano era ad Arcore per «proteggere» Berlusconi. «Mangano era il simbolo vivente – ha detto il pg – della tutela da parte di Cosa nostra a Silvio Berlusconi». Il sostituto procuratore generale ha puntato la prima parte della requisitoria sui rapporti tra Gaetano Cinà e Marcello Dell’Utri, confermati, secondo il pg, dalle testimonianze di diversi collaboratori di giustizia e dalle intercettazioni telefoniche. I rapporti tra Dell’Utri e Cinà risalgono ai tempi della Bacigalupo, la squadra di calcio di Dell’Utri, in cui giocava il figlio del mafioso. «Attraverso Cinà – ha detto Gatto – Dell’Utri conobbe Mangano e lo presentò a Berlusconi». Il pg ha collocato nella primavera del 1975 l’incontro a Milano tra Stefano Bontade, reggente della famiglia di Santa Maria di Gesù, gli uomini d’onore Mimmo Teresi e Nino Grado, Dell’Utri e Berlusconi. Dell’incontro ha parlato il pentito Francesco Di Carlo, la cui attendibilità è stata più volte ribadita da Gatto.

Di un altro incontro, quello avvenuto nel ristorante “Le colline pistoiesi”, ha parlato invece un altro collaboratore: Antonino Calderone. «In quell’occasione Calderone era con Grado – ha ricordato Gatto – Poi entrarono Mangano e Dell’Utri, che Grado saluto ossequiosamente. Poi
cenarono assieme e Mangano parlò di Dell’Utri come il suo capo». Il pg ha anche ricordato il matrimonio del boss Jimmy Fauci, a cui Dell’Utri avrebbe partecipato sedendo al tavolo con Di Carlo e Teresi. «Per tutti questi episodi – ha detto Gatto – le giustificazioni date da Dell’Utri ai giudici sono assurde, come ha già ribadito la sentenza del tribunale». Inoltre, per Gatto, «il comportamento di Dell’Utri è conforme a quello mafioso. Dentro le aule, infatti, smentisce la sua vicinanza alle cosche e la sua estraneità ai fatti, fuori, come è riportato in diverse interviste, difende Mangano». Gatto ha concluso la prima parte dell’atto d’accusa, che continuerà il 9 ottobre, parlando del “pizzo delle antenne”.

«Il versamento di somme della Fininvest a Cosa Nostra nel 1986 per la “messa a posto” per i ripetitori nel palermitano sarebbe avvenuto, come già ribadito in primo grado, grazie all’intermediazioni di Dell’Utri – ha concluso Gatto – Intervenuto anche nel caso dell’attentato in una delle proprietà di Berlusconi nell’86».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...