Posts contrassegnato dai tag ‘licio gelli’

Annunci

licio gelli

Pubblicato: ottobre 11, 2009 in p2
Tag:

articolo originale:

http://it.wikipedia.org/wiki/Licio_Gelli

 

Il periodo fascista e la resistenza [modifica] Figlio di Ettore, mugnaio di Montale (PT), e di Maria Gori, nacque a Pistoia nel 1919. Gelli partì volontario con la spedizione delle camicie nere, mandate in Spagna da Benito Mussolini in aiuto di Francisco Franco. Proprio in Spagna perse in battaglia il fratello maggiore Raffaello. Nel 1939 tornò in Italia e collaborò con la federazione fascista di Pistoia, scrivendo nel settimanale locale della federazione, il Ferruccio, la sua esperienza di guerra. Diventò anche impiegato del GUF, sebbene non ottenesse successi a livello universitario. Si fece comunque notare per la sua estrema serietà e precisione nello svolgere le mansioni a lui affidate: sembra che schedasse addirittura le marche delle sigarette fumate dagli studenti universitari.[1] Nel gennaio 1940 pubblicò il suo primo libro: “Fuoco! Cronache legionarie della insurrezione antibolscevica di Spagna”. Dopo l’8 settembre 1943 aderì alla Repubblica di Salò e conseguentemente divenne un ufficiale di collegamento fra il governo fascista e il Terzo Reich. Quando tuttavia la vittoria della guerra cominciò a rivelarsi impossibile per i nazi-fascisti, Gelli saltò sul carro dei partigiani. I contatti e le conoscenze abilmente acquisite mentre militava tra i fascisti gli consentirono di effettuare con efficacia il doppio gioco: cominciò quindi a trafugare e distribuire di nascosto ai partigiani i lasciapassare rossi della Kommandatura, e fornire ai suoi superiori informazioni fuorvianti per i rastrellamenti che erano in corso sugli Appennini. Insieme al partigiano pistoiese Silvano Fedi, che in seguito venne ucciso in circostanze poco chiare[2], partecipò alla liberazione di prigionieri politici dal carcere delle Ville Sbertoli, organizzata dal Fedi e dalla sua brigata, della quale facevano parte Enzo Capecchi e Artese Benesperi che furono gli artefici dell’azione[3]. Nel luglio 1942 come ispettore del Partito Nazionale Fascista, gli venne affidato il compito di trasportare in Italia il tesoro di re Pietro II di Jugoslavia: 60 tonnellate di lingotti d’oro, 2 di monete antiche, 6 milioni di dollari, 2 milioni di sterline che il S.I.M (Servizio Informazioni Militare) aveva requisito. Nel 1947 il tesoro venne restituito ma all’appello mancavano 20 tonnellate di lingotti da Gelli trasferiti in Argentina. È stato ipotizzato che parte di queste 20 tonnellate sarebbero tra i preziosi ritrovati nelle fioriere di villa Wanda, ma Gelli ha sempre smentito questa accusa.[4] Dopo la seconda guerra mondiale [modifica] Dopo la seconda guerra mondiale, si ipotizza che Gelli si sia arruolato nella CIA, su raccomandazione dei servizi segreti italiani (ma tale ipotesi non è stata verificata). In ogni caso, fu messo in stretta relazione da Edward Herman con Michael Ledeen, che è da molti ritenuto uno stretto collaboratore o un agente della CIA[5]. Fu un collaboratore delle agenzie di intelligence britanniche e americane. Dal 1948 al 1958, Gelli fu portaborse del deputato democristiano Romolo Diecidue, eletto nel collegio di Firenze-Pistoia. Gelli è stato accusato di aver avuto un ruolo preminente nell’Operazione Gladio, una struttura clandestina di tipo “stay-behind”, promossa dalla NATO e finanziata in parte dalla CIA allo scopo di contrastare l’influenza comunista in Italia, così come negli altri paesi europei. L’affaire Gladio è stato affrontato (anche giudizialmente) senza collegamenti diretti alla questione P2. Nel 1970 avrebbe dovuto arrestare il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat, nell’ambito del fallito Golpe Borghese; Gelli ha sempre smentito questa ipotesi. Gelli ha ripetutamente dichiarato in pubblico di essere stato uno stretto amico del leader argentino Juan Domingo Perón e spesso ha affermato che tale amicizia è stata veramente importante per l’Italia, senza però aver mai spiegato perché. Gelli è stato creato conte sul cognome dall’ex re Umberto II d’Italia nel 1980[6]. La lista P2 [modifica] Per approfondire, vedi la voce P2. « Con la P2 avevamo l’Italia in mano. Con noi c’era l’Esercito, la Guardia di Finanza, la Polizia, tutte nettamente comandate da appartenenti alla Loggia. » (Licio Gelli[7]) Il 17 marzo 1981, una perquisizione della Polizia nella sua villa a Castiglion Fibocchi (AR) e nella fabbrica di sua proprietà (la Giole, sempre a Castiglion Fibocchi) portò alla scoperta di una lunga lista di alti ufficiali delle forze armate e di funzionari pubblici aderenti alla P2[8]. La lista, la cui esistenza era presto divenuta celebre grazie ai media, includeva anche industriali, giornalisti e personaggi facoltosi come il più volte Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi (a quel tempo non ancora in politica), Vittorio Emanuele di Savoia, Fabrizio Cicchitto e Maurizio Costanzo. Vi sono molti elementi, a partire dalla numerazione, che lasciano tuttavia ritenere che la lista rinvenuta fosse incompleta. In fuga, Licio Gelli scappò in Svizzera, dove fu arrestato mentre cercava di ritirare decine di migliaia di dollari a Ginevra, ma riuscì ad evadere dalla prigione. Fuggì quindi in Sudamerica, prima di costituirsi nel 1987. Lo scandalo nazionale conseguente alla scoperta delle liste fu quasi drammatico, dato che molte delle più delicate cariche della Repubblica Italiana erano occupate da affiliati all’organizzazione di Gelli. La corte centrale del Grande Oriente d’Italia, con una sentenza del 31 ottobre 1981, decretò l’espulsione del Gelli dall’Ordine massonico. Il Parlamento italiano approvò in tempi rapidi una legge per mettere al bando le associazioni segrete in Italia e contemporaneamente (dicembre 1981), venne creata una commissione parlamentare d’inchiesta, presieduta dalla On. Tina Anselmi (della Democrazia Cristiana), che riferirà al parlamento dopo 2 anni e mezzo di lavori. Nelle conclusioni della relazione di maggioranza di questa commissione sulla P2 e su Gelli si legge: « L’esame degli avvenimenti ed i collegamenti che tra essi è possibile instaurare sulla scorta delle conoscenze in nostro possesso portano infatti a due conclusioni che la Commissione ritiene di poter sottoporre all’esame del Parlamento. La prima è in ordine all’ampiezza ed alla gravità del fenomeno che coinvolge, ad ogni livello di responsabilità, gli aspetti più qualificati della vita nazionale. Abbiamo infatti riscontrato che la Loggia P2 entra come elemento di peso decisivo in vicende finanziarie, quella Sindona e quella Calvi, che hanno interessato il mondo economico italiano in modo determinante. […] La seconda conclusione alla quale siamo pervenuti è che in questa vasta e complessa operazione può essere riconosciuto un disegno generale di innegabile valore politico; un disegno cioè che non solo ha in se stesso intrinsecamente valore politico – ed altrimenti non potrebbe essere, per il livello al quale si pone – ma risponde, nella sua genesi come nelle sue finalità ultime, a criteri obiettivamente politici. Le due conclusioni alle quali siamo pervenuti ci pongono pertanto di fronte ad un ultimo concludente interrogativo: è ragionevole chiedersi se non esista sproporzione tra l’operazione complessiva ed il personaggio che di essa appare interprete principale. È questa una sorta di quadratura del cerchio tra l’uomo in sé considerato ed il frutto della sua attività, che ci mostra come la vera sproporzione stia non nel comparare il fenomeno della Loggia P2 a Licio Gelli, storicamente considerato, ma nel riportarlo ad un solo individuo, nell’interpretare il disegno che ad esso è sotteso, e la sua completa e dettagliata attuazione, ad una sola mente. Abbiamo visto come Licio Gelli si sia valso di una tecnica di approccio strumentale rispetto a tutto ciò che ha avvicinato nel corso della sua carriera. Strumentale è il suo rapporto con la massoneria, strumentale è il suo rapporto con gli ambienti militari, strumentale il suo rapporto con gli ambienti eversivi, strumentale insomma è il contatto che egli stabilisce con uomini ed istituzioni con i quali entra in contatto, perché strumentale al massimo è la filosofia di fondo che si cela al fondo della concezione politica del controllo, che tutto usa ed a nessuno risponde se non a se stesso, contrapposto al governo che esercita il potere, ma è al contempo al servizio di chi vi è sottoposto. Ma allora, se tutto ciò deve avere un rinvenibile significato, questo altro non può essere che quello di riconoscere che chi tutto strumentalizza, in realtà è egli stesso strumento. Questa infatti è nella logica della sua concezione teorica e della sua pratica costruzione la Loggia Propaganda 2: uno strumento neutro di intervento per operazioni di controllo e di condizionamento. » Coinvolgimenti con Gladio [modifica] Per approfondire, vedi la voce Organizzazione Gladio. Con Stefano Delle Chiaie e Francesco Pazienza, è stato coinvolto nel processo per la Strage di Bologna, avvenuta il 2 agosto 1980, nella quale furono uccise 85 persone e 200 rimasero ferite. Questo attentato terroristico era parte della strategia della tensione. Con la sentenza definitiva di Cassazione sulla strage di Bologna, il 23 novembre 1995, Gelli viene condannato per depistaggio. In ogni caso, Licio Gelli fu condannato nel 1994 a 12 anni di carcere, dopo essere stato riconosciuto colpevole della frode riguardante la bancarotta del Banco Ambrosiano nel 1982 (vi era stato trovato un “buco” di 1,3 miliardi di dollari) che era collegato alla banca del Vaticano, l’Istituto per le Opere di Religione (IOR). Affrontò inoltre una sentenza di tre anni relativa alla loggia P2. Scomparve mentre era in libertà sulla parola, per essere infine arrestato sulla Riviera francese a Cannes. La polizia rinvenne nella sua villa oltre 2 milioni di dollari in lingotti d’oro [1] [2]. È indiscutibile che la loggia P2 abbia avuto un certo potere in Italia, dato il “peso” pubblico dei suoi affiliati, e molti osservatori ritengono che ancora oggi esso sia forte. Numerosi personaggi ancora oggi famosi in Italia erano iscritti alla P2: tra questi, Silvio Berlusconi, Maurizio Costanzo, Vittorio Emanuele di Savoia, l’editore Angelo Rizzoli, il segretario del PSDI Pietro Longo ed altri esponenti della politica, della magistratura e della finanza. Il giorno 28 settembre 2003 il sito Repubblica.it pubblica un’intervista a Licio Gelli durante la quale egli afferma che «Forse sì, dovrei avere i diritti d’autore. La giustizia, la tv, l’ordine pubblico. Ho scritto tutto trent’anni fa. Tutto nel piano di Rinascita, che preveggenza, è finita proprio come dicevo io»[9]. Scandalo del Banco Ambrosiano [modifica] Uno degli affiliati della P2 era Michele Sindona, un banchiere con chiare collusioni con la Mafia. Nel 1972 Sindona aveva acquistato il controllo della Franklin National Bank di Long Island. Due anni dopo, la banca fallì [10]. Condannato nel 1980 negli Stati Uniti, “Michele il misterioso” fu estradato in Italia. Due anni dopo, fu avvelenato nella sua cella mentre scontava una sentenza a vita[11][12]. Qualche anno dopo lo scandalo, molti sospetti si sono concentrati su Gelli in relazione al suo eventuale coinvolgimento nell’omicidio del banchiere milanese Roberto Calvi (anch’egli affiliato alla P2), che era stato in carcere per il fallimento del Banco Ambrosiano. Il 19 luglio 2005, Gelli è stato formalmente indiziato dai magistrati romani per la morte di Calvi. Gelli, nel suo discorso di fronte ai giudici, incolpò personaggi connessi con i finanziamenti di Roberto Calvi al movimento polacco Solidarnosc, presumibilmente per conto del Vaticano. Condanne [modifica] Licio Gelli è stato condannato con sentenza definitiva per i seguenti reati: Procacciamento di notizie contenenti segreti di Stato; Calunnia nei confronti dei magistrati milanesi Colombo, Turone e Viola; Calunnia aggravata dalla finalità di terrorismo per aver tentato di depistare le indagini sulla strage alla stazione di Bologna, vicenda per cui è stato condannato a 10 anni; Bancarotta fraudolenta (Banco Ambrosiano). Nel 1993 venne indagato per offesa all’onore dell’allora presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro per un articolo pubblicato sul mensile trevigiano “Il piave” [13]. L’archivio di Gelli [modifica] L’11 febbraio 2006 Licio Gelli ha donato al Comune di Pistoia il proprio “archivio non segreto”, nell’ambito di una discussa cerimonia ufficiale, svolta sotto il patrocinio dello stesso Comune, ma alla quale gli amministratori comunali pistoiesi hanno preferito non prendere parte. Restano tuttora segreti, e nella sola disponibilità del “Venerabile”, i numerosi archivi distribuiti tra Montevideo, la Svizzera, villa Wanda, Castiglion Fibocchi, l’Argentina e Montecarlo. Della cosiddetta “rubrica dei 500” (426 fascicoli da Gelli intestati a uomini d’affari, politici, società, banche, ecclesiastici ecc.) Guardia di Finanza ed inquirenti non sono mai riusciti a reperire il contenuto.[senza fonte] Vecchiaia [modifica] « Il vero potere risiede nelle mani dei detentori dei Mass Media » (Licio Gelli[14]) Oggi Licio Gelli ha 90 anni ed è agli arresti domiciliari nella sua villa Wanda di Arezzo dove sconta la pena di 12 anni per la bancarotta dell’Ambrosiano[15]: « Ho una vecchiaia serena. Tutte le mattine parlo con le voci della mia coscienza, ed è un dialogo che mi quieta. Guardo il Paese, leggo i giornali e penso: ecco qua che tutto si realizza poco a poco, pezzo a pezzo. Forse sì, dovrei avere i diritti d’autore. La giustizia, la tv, l’ordine pubblico. Ho scritto tutto trent’anni fa[9] » Attualmente partecipa al programma Venerabile Italia su Odeon TV come intervistato. Villa Wanda è stata sequestrata dallo Stato ma, dopo varie aste andate deserte è stata affidata a Licio Gelli come custode giudiziario.[senza fonte] Critiche [modifica] Gelli è uno dei personaggi più controversi del panorama politico-giudiziario italiano. Il dibattito intorno alla sua figura si è fatto ancor più arroventato in occasione di alcuni suoi articoli particolarmente pungenti pubblicati sul giornale Il Piave: uno sull’informazione in Italia[16], l’altro sulla democrazia italiana[17], un altro ancora sulla magistratura[18]. Da segnalare anche l’ultimo dove attacca Antonio Di Pietro[19]

articolo originale:
http://www.loggiap2.com/biografia.htm

Biografia di Licio Gelli
Licio Gelli (nato a Pistoia il 21 aprile 1919). Figlio di Ettore, mugnaio di Montale e di Maria Gori, è stato “Maestro Venerabile” della potente loggia massonica italiana P2. Gelli è stato anche membro dei Cavalieri di Malta. Nel suo periodo scolastico era ritenuto un pessimo allievo, infruttuosi i suoi numerosi tentativi per ottenere il diploma di Ragioneria. E’ chiaro che i suoi studi come autodidatta hanno compensato largamente qualsiasi laurea di Stato.

1936: Gelli si arruola volontario nell’ex M.V.S.N. proveniente dalla G.I.L. Partecipa alla guerra di Spagna.

1938: viene rimpatriato, lavorando presso il Partito fascista della sua citta’ natale, Pistoia, fino allo scoppio della guerra quando era stato inviato in Dalmazia sul fronte greco-macedone.

1940: Si iscrive al Partito nazionale fascista, proveniente dai G.U.F.

1942: E’ chiamato a Cattaro (Jugoslavia) da Alzona, ex federale di Pistoia. Qui diviene uomo di fiducia di Parini, segretario dei fasci italiani all’estero. Resta a Cattaro fino al 25 luglio 1943.

1943: Aderisce alla Repubblica sociale italiana. E’ uno dei primi a costituire a Pistoia il fascio repubblicano. Diviene ufficiale di collegamento con le SS. E’ attivo nel rastrellamento dei prigionieri inglesi e degli antifascisti. Fa arrestare il parroco di San Biagio in Cascheri che a suo dire avrebbe favorito alcuni di essi. Capeggia le squadre per il rastrellamento dei renitenti alla leva; è complice dell’arresto di quattro di essi, poi fucilati nella fortezza di Pistoia.

1944 – 26 giugno: Partecipa, con la formazione partigiana di Silvano Fedi, all’attacco alle carceri giudiziarie di Pistoia, Villa Sbertoli, che consenti la liberazione di 57 detenuti politici e di due ebrei.

1944 – 28 agosto: E’ ucciso il commissario capo di PS presso la questura di Pistoia, Giuseppe Scripilliti, che collaborava con i partigiani. Gli fu teso un agguato proprio mentre stava portando al capo partigiano Silvestro Dolfi un elenco di fascisti repubblicani e di collaboratori dei tedeschi. Gelli fu coinvolto in questo delitto dalle deposizioni rese nel 1947 da Dolfi, al quale il nominativo di Gelli come sicario di Scripilliti era stato fatto da un altro partigiano, Michele Simoni. Il Simoni però, in seguito alle indagini personalmente compiute, modificò in un secondo tempo i suoi convincimenti e ritenne Gelli estraneo al delitto.

1944 – settembre: Dopo la liberazione di Pistoia, Gelli è oggetto di rappresaglie: l’11 novembre è aggredito in piazza San Bartolomeo.

1944 – 2 ottobre: Primo attestato di Carobbi (carta di libertà di circolazione).

1945 – gennaio in Sardegna, all’isola della Maddalena con un avventuroso viaggio via Roma e Napoli. Lontano dal teatro delle sue gesta di guerra, Gelli, ricercato dalle forze dell’ordine, entra in contatto con gli apparati dei servizi di sicurezza tramite i Carabinieri della Maddalena.

1945 – 4 febbraio: Sul settimanale La Voce del Popolo appare un articolo intitolato: “Un chiarimento del CPLN “. Si giustifica il rilascio dell’attestato del 2 ottobre 1944.

1945 – febbraio: ritornando clandestinamente dalla Sardegna è arrestato nei pressi di Lucca dalla polizia militare alleata.

1945 – 22 marzo: La procura del Re di Pistoia emette nei suoi confronti mandato di cattura per i delitti commessi durante il regime fascista (sequestro di Giuliano Bargiacchi, figlio di un collaboratore dei partigiani).

1945 – 21 aprile: E’ condannato in contumacia dal tribunale di Pistoia a due anni e sei mesi di reclusione per sequestro di persona e furto.

– 11 settembre: in relazione al sequestro Bargiacchi è arrestato a La Maddalena.

1946 – 20 marzo: Sempre per lo stesso episodio ottiene la libertà provvisoria ed è rinviato da La Maddalena a Pistoia.

– 25 marzo: Il procedimento penale presso la corte d’assise straordinaria, provocato da una denuncia del colonnello dell’aeronautica Ferranti Vittorio (a suo dire Gelli avrebbe organizzato rastrellamenti di prigionieri inglesi), è trasmesso, con la richiesta di proscioglimento per insufficienza di prove, alla corte d’appello di Firenze che dispone invece l’istruttoria formale.

– 1° ottobre: In relazione al sequestro Bargiacchi è assolto dalla corte d’appello di Firenze perché il fatto non costituisce reato.

– 30 novembre: Nella cartella biografica intestata a Licio Gelli presso la prefettura di Pistoia leggiamo, nel riquadro riservato alla situazione economica: “Nullatenente. E’ aiutato dai parenti, mentre egli si industria con il piccolo commercio”.

1947 – 7 gennaio: E’ iscritto nel Casellario politico centrale del Ministero dell’interno e sottoposto ad “attenta vigilanza”.

– 27 gennaio: Il processo penale iniziato a seguito della denuncia di Ferranti si conclude con sentenza assolutoria per amnistia della sezione istruttoria della corte d’appello di Firenze.

– 11 settembre: ottiene il passaporto per la Francia, Spagna, Svizzera, Belgio ed Olanda.

1948 – 9 luglio. Per quanto concerne la posizione del CPC, la vigilanza è ridotta da “attenta” a “discreta”.

1949 – 12 aprile: Il tribunale di Pistoia lo condanna all’ammenda di lire 1.400 per contrabbando e frode dell’IGE. La pena è sospesa.

1950 – 24 marzo: E’ radiato dal CPC.

1965 – marzo: s’iscrisse alla massoneria nella loggia del Grande Oriente “Romagnosi” di Roma, aveva già delle buone credenziali come fascista della repubblica di Salò.

1966 – dicembre: poco più di un anno dopo la sua iscrizione alla massoneria, venne nominato capo della loggia HOD, nota come P2, la più importante e misteriosa di tutto il Grande Oriente.

1975 primavera: Licio Gelli fonda l’Organizzazione Mondiale del Pensiero e dell’Assistenza Massonica (OMPAM) , una superloggia internazionale con sede a Montecarlo (a tutt’oggi sembra che sia ancora attiva). Al congresso mondiale dell’OMPAM , che si svolge a Rio De Janeiro , nel discorso inaugurale Gelli afferma “…Considero superfluo ricordare a tutte le potenze occidentali che oggi il vero e grande pericolo per l’umanita’ e’ rappresentato dalla penetrazione del comunismo che sta abbattendo le piu’ sacre ed inalienabili liberta’ umane.

Nota: Testimonianza di Tommaso Masci, primo portiere nella seconda metà degli anni 70 dell’albergo romano Excelsior, di cui Gelli era in quel periodo cliente fisso, tracciava una descrizione efficace del formicolio dei potenti intorno a Licio Gelli:

– Tra i visitatori di Gelli c’erano politici, militari, giornalisti, alti funzionari dello Stato, banchieri. Tra coloro che lo frequentavano, c’erano Andreotti, Cossiga, Craxi, Fanfani, solo per fare i nomi più noti, c’era anche il bombarolo Paolo Aleandri, il terrorista di destra a cui Gelli aveva affidato il compito di mantenere i contatti con Filippo de Jorio, consigliere politico dell’onorevole Andreotti, che era latitante per il golpe Borghese del 1970. Lo stesso Aleandri incontrò nella stanza di Gelli il generale Vito Miceli, capo del SID, cioè l’uomo che avrebbe dovuto arrestarlo.

1981 – 17 marzo: una perquisizione della Polizia nella sua villa di Arezzo, portò alla scoperta della famosa lista di alti ufficiali delle forze armate e di funzionari pubblici aderenti alla P2.

– 31 ottobre la corte centrale del Grande Oriente d’Italia decretò l’espulsione del Gelli dall’Ordine massonico.

– Sempre nel 1981 Licio Gelli fugge all’estero e poi in Svizzera.

1982 – Gelli viene arrestato presso una filiale dell’Unione di Banche Svizzere (UBS) a Ginevra mentre stava prelevando da un suo conto bancario 180 miliardi di lire.

1983 – Licio Gelli riuscì ad evadere dalla prigione ginevrina con la complicità di una guardia carceraria. Fuggì quindi in Sudamerica, prima di costituirsi nel

1988 – febbraio: Gelli decide di costituirsi in Svizzera, e viene quindi estradato in Italia , ma solo per alcuni reati.

licio gelli

Pubblicato: ottobre 4, 2009 in berlusconi e la p2
Tag: