Posts contrassegnato dai tag ‘sentenza previti’

articolo originale:

http://www.rainews24.rai.it/it/news.php?newsid=43799

previti

 

 

Milano, 22-11-2003

Cesare Previti è stato condannato a 5 di reclusione, Squillante a 8 anni, Pacifico a 4 anni, l’ex giudice Verde è stato assolto. Cesare Previti, e Attilio Pacifico e Renato Squillante, sono stati condannati per il reato di corruzione semplice (e non in atti giudiziari come chiesto dall’accusa), per il versamento di 434 mila dollari avvenuto nel 1991.

Sono stati invece assolti “perché il fatto non sussiste” per l’altro capo d’imputazione: la mancata vendita della Sme alla Cir di Carlo De Benedetti.

Previti: la sentenza Sme non è stata comprata
“La sentenza Sme non è stata comprata, dice la verità giudiziaria di oggi, intesa come verità conclamata da una sentenza. Una verità che esisteva
anche prima del processo”. Così Cesare Previti, intervistato da Radio24, commenta la sentenza del processo Sme.
Annunciando l’ impugnazione in appello per la parte per cui è stato condannato, Previti, alla domanda se per l’ accusa questa sentenza rappresenti un sconfitta, risponde: “questo lo lascio dire a voi”.

Per Squillante corruzione in atti giudiziari
Il solo condannato per corruzione in atti giudiziari è l’ex capo dei Gip della capitale Renato Squillante che, nella sua qualità di pubblico ufficiale, avrebbe ricevuto i 434 mila dollari nel 1991. Previti e Pacifico, invece, sono stati condannati per corruzione semplice. Il capo d’imputazione per il quale sono stati condannati fa riferimento al versamento dei 434 mila dollari e al fatto che Renato Squillante fosse “costantemente retribuito” dagli altri imputati.

Le assoluzioni
Sono stati tutti assolti, sia pure con formule diverse in parte anche relative alla prescrizione, i quattro imputati minori del processo Sme. Si tratta dei figli di Squillante, Fabio e Mariano, della nuora Olga Satchenko e dell’ex pm Francesco Misiani. L’ex pm romano Francesco Misiani, ora avvocato, è stato assolto “perché il fatto non sussiste” dall’accusa di favoreggiamento. Per i figli dell’ex capo dei Gip della capitale, Renato Squillante, Mariano e Fabio, è stato dichiarato il non luogo a procedere per intervenuta prescrizione del reato in quanto sono state loro concesse le attenuanti generiche. Assolta, infine, perché il fatto non costituisce reato, la moglie di Squillante, Olga Savtchenko. Tutti e tre erano accusati di favoreggiamento. Assolto “perché il fatto non sussiste” per la vicenda Sme anche l’ex magistrato romano Filippo Verde.

Interdizione e 1 mln danni a Presidenza del Consiglio
Le pene inflitte oggi dai giudici della prima sezione del tribunale penale comprendono anche per Cesare Previti e Renato Squillante l’interdizione in perpetuo dai pubblici uffici. Per Pacifico Attilio l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. Pacifico e Previti vengono interdetti dall’esercizio della professione di avvocato per cinque anni. I tre imputati sono stati condannati in solido al risarcimento dei danni non patrimoniali e morali causati alla parte civile costituita, la Presidenza del Consiglio, nella misura di un milione di euro, e al pagamento di una provvisionale, immediatamente esecutiva, determinata in 300 mila euro. Condanna, inoltre, alla rifusione delle spese di costituzione e difesa, che si liquidano in favore della stessa parte civile nella misura di 130 mila euro.

Difesa: in atti c’è la prova di innocenza
“Agli atti c’era la prova dell’innocenza dell’onorevole Previti, non è possibile essere contenti per mezza assoluzione dal momento che Previti e’ stato condannato per una sola delle accuse a una pena inferiore rispetto a quella richiesta dal pm”. E’ il commento di Giorgio Perroni, difensore di Cesare Previti, alla sentenza emessa dai giudici di Milano. “Speriamo nel giudizio di appello, speriamo in un collegio più sereno” aggiunge Perroni, il quale spiega anche “prendere atto che i giudici non si sono appiattiti sulle richieste della Procura e hanno emesso una sentenza che si differenzia dai pm”.

Verde: finalmente si capirà chi sono
“Finalmente si capirà chi sono”: questa la prima reazione dell’ex magistrato romano Filippo Verde dopo la notizia della sua assoluzione, perché il fatto non sussiste, per la vicenda Sme. “E’ la notizia più bella che potevo ricevere”, ha detto l’avvocato Renato Borzone, riferendo la parole del magistrato a cui ha dato la notizia per telefono. Borzone ha sottolineato come questa, dopo quella nel processo Imi-Sir e un’ altra assoluzione riportata a Perugia, sia la terza volta che Verde viene dichiarato innocente.

Pisapia annuncia ricorso
Annuncia ricorso l’avvocato Giuliano Pisapia, legale di parte civile della Cir, dopo la sentenza del processo Sme. “Siamo soddisfatti a metà – dice l’avvocato – c’è comunque una condanna di corruzione anche con soldi provenienti da Fininvest”.

Avvocato di Pacifico: “amareggiato”
“Per me si tratta di una mezza sconfitta, mi aspettavo una assoluzione completa. Sono amareggiato per una sentenza di condanna laddove non è stata raggiunta la prova della colpevolezza”. Questo il primo commento dell’avvocato Alfredo Quattrocchi, difensore di Attilio Pacifico. “L’avvocato Pacifico – dice il legale – è estraneo alla Fininvest e a certi giochi di potere”.

Ghedini: sentenza milanese, nulla cambia per il premier
“E’ una sentenza milanese: negativa per la parte in cui è stata pronunciata condanna per corruzione dal momento che non vi è prova; neutra per la parte relativa all’assoluzione degli imputati dalla vicenda Sme, dal momento che l’ innocenza era palese e mi pare, quindi, che l’assoluzione sia un atto dovuto”: così l’ avvocato Niccolò Ghedini, deputato di Forza Italia e difensore di Silvio Berlusconi, ha commentato la sentenza di oggi emessa a conclusione del processo Sme. “In ogni caso – ha concluso Ghedini – è una sentenza che non cambia la posizione di Silvio Berlusconi nel processo stralcio”.

Annunci

articolo completo:

http://www.uonna.it/conclusioni-488-536.htm

 

LE DISPONIBILITA’ FINANZIARIE DEL GIUDICE VITTORIO METTA A
PARTIRE DALL’ ANNO 1990
A-ANALISI DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEL GIUDICE V. METTA
Come visto nei capitoli precedenti, nell ‘ anno 1990 , dunque , il giudice Vittorio Metta è giudice
relatore , pressoché in contemporanea , di due delle controversie civili più importanti della “ storia
giudiziaria “ della Corte di Appello di Roma , sia sotto il profilo economico che sotto quello politico
e sociale : Imi-Sir ( assegnato all’ imputato nell’ autunno 1989 ) e impugnazione del “Lodo
Mondadori “ (assegnatogli nella estate del 1990 ).
Ed è proprio a partire dall’ anno 1990 che il giudice Metta diventa “ improvvisamente “ molto
ricco , iniziando a versare , sui conti correnti bancari a lui riconducibili , sempre più consistenti
somme di denaro , tutte rigorosamente in banconote da 50.000 o 100.000 Lire ; o anche a disporre
di altre ingenti somme che neppure transitano dai suoi rapporti bancari conosciuti ma che
improvvisamente “ appaiono “ tra le mani dell’ imputato .
Sulla base della documentazione in atti risulta in modo inequivocabile che l’ allora giudice Metta
ebbe a versare sui suoi conti correnti , nell’ arco di poco più di due anni , ben 619 milioni di
lire in contanti ; somma alla quale bisogna aggiungere quella di altri 400 milioni di lire non
transitata sui suoi conti correnti e utilizzata nell’ Aprile del 1992 per pagare la caparra relativa
all’ acquisto di un appartamento in Roma , intestato alla figlia Sabrina . Non solo : anche buona
parte dei lavori di ristrutturazione di questo appartamento e di altre unità immobiliari nella
disponibilità dell’ imputato , risultano pagati , come si vedrà , con somme di denaro contante non
prelevate dai conti correnti bancari ma apparse , anch’ esse, nella improvvisa disponibilità dell’
imputato .

articolo originale:
http://www.pmli.it/sentenzaprevitiimisir.htm

Le motivazioni della sentenza Previti su Imi-Sir e Lodo Mondadori

Il neoduce Berlusconi, o meglio, come lo definiscono gli stessi giudici di Milano, il “privato corruttore”, e la sua banda di giudici e avvocati corrotti con alla testa il fascista doc Cesare Previti sono i protagonisti del più grave episodio di corruzione nella storia della Repubblica.
Questa è in estrema sintesi l’inquietante verità messa nero su bianco dai giudici della IVa Sezione penale del tribunale di Milano che il 6 agosto scorso hanno reso pubbliche le motivazioni della sentenza di primo grado con cui il 29 aprile scorso, nell’ambito del processo Imi-Sir/Lodo Mondadori, lo stesso tribunale ha inflitto 11 anni di reclusione a Cesare Previti e condannato i suoi coimputati a pesanti pene detentive per complessivi 53 anni e 6 mesi di carcere (vedi Il Bolscevico n.19).
Altro che “persecuzione giudiziaria”, “magistrati politicizzati”,”teoremi” e “prove inconsistenti”; nelle 537 pagine che compongono le motivazioni della sentenza non ci sono solo le “prove documentali”, “granitiche”, evidenziate in dibattimento dall’accusa, ma anche altre prove “regine”, come le definirebbe l’imputato Previti, di cui nemmeno i Pm si erano finora accorti e che da sole sarebbero bastate e avanzate per dimostrare il “gigantesco vortice di soldi, amicizie e processi comprati” e il criminale meccanismo di corruzione imbastito e “elevato a sistema di vita” dagli imputati.
Esaminando approfonditamente gli atti del processo per riassumerne le motivazioni di condanna, i giudici della IVa Sezione hanno scoperto tra i faldoni di carte sequestrati agli avvocati Acampora e Pacifico alcuni appunti e documenti “sconvolgenti” inerenti la perizia di stima della Sir e la minuta della sentenza d’Appello con cui il giudice Metta nel novembre del ’90 e i successivi aggiustamenti regalò ai Rovelli 1.000 miliardi di lire di indennizzo.
Tra gli appunti sequestrati a Pacifico i giudici hanno notato un primo documento che a un immediato esame sembra una copia di una consulenza tecnica fatta dal perito del Tribunale Pasquale Musco. Ma dopo una analisi più accurata, confrontandola con l’originale, hanno scoperto che in realtà si tratta di “una prima versione” dell’originale “che verrà poi letteralmente travasata in quella consegnata al Tribunale”. Tant’è che i giudici concludono che se il reato non fosse prescritto, dovrebbe esserci un altro indagato in questa inchiesta, il consulente tecnico Musco, che aveva il delicatissimo compito di stabilire, per conto del Tribunale, il valore del gruppo Sir e invece stilò la sua perizia accordandosi con una parte in causa.
Oltre a ciò i giudici della IVa Sezione hanno scoperto altri “appunti anonimi” sequestrati negli studi di Acampora e Pacifico che somigliano in modo impressionante alla sentenza Metta ma che non lo sono. Da un confronto più accurato risulta invece che Metta nello stilare la sentenza d’Appello “ha copiato interi capitoli da quel che altri avevano deciso e già scritto ben prima della decisione collegiale in favore della parte Rovelli”.
L’altra scoperta riguarda la stesura stessa della sentenza sul Lodo Mondadori e ricalca la stessa strategia, scrivono ancora i giudici, che “i soliti ignoti che agivano a livello occulto e illegale” mettono in pratica il 14 gennaio del ’91, appena due mesi dopo l’affare Imi-Sir, con l’aggiustamento di un’altra sentenza storica del giudice Metta che annulla il Lodo Mondadori e trasferisce il colosso editoriale di Segrate dalle mani di De Benedetti a quelle del neoduce Berlusconi: 167 pagine “scritte” in 24 ore “record assoluto nella storia della magistratura italiana”. Però l’autore non è il giudice Metta, che stavolta non deve fare nemmeno la fatica di copiare, in quanto “un terzo estraneo all’ambiente istituzionale” gli confeziona di sana pianta la sentenza.
Insomma, concludono i giudici: “mentre ancora Metta depositava il prezzo della compravendita della causa Imi-Sir”, già lavorava per “vendere quella Mondadori” in quanto era ormai “stabilmente a libro paga della lobby” di corotti e corruttori capeggiata da Cesare Previti e facente capo alla Fininvest di Berlusconi.
Altro che fascicoli secretati e prove a discarico degli imputati occultate e manipolate dalla procura.
Altro che, come ha dichiarato il nuovo Mussolini all’indomani delle motivazioni della sentenza: “siamo davanti solo a teoremi e indizi messi insieme alla bell’e meglio dai soliti magistrati politicizzati”.
I fatti dimostrano esattamente il contrario. E cioè che a carico di Previti e della sua banda di giudici e avvocati corrotti esiste una montagna di inoppugnubali prove documentali che gli stessi Pm hanno faticato non poco a ordinare e mettere in correlazione fra loro.
“Si può concludere – si legge nelle motivazioni della sentenza – che la causa civile Imi-Sir fu tutta frutto (quanto meno a partire dall’espletamento della perizia `sul quantum debeatur’ in primo grado nel 1987) di una gigantesca opera di corruzione che si è spinta fino al punto di concordare, tra il giudice Metta e gli `avvocati occulti di Nino Rovelli’, la preventiva decisione della controversia e la conseguente stesura della motivazione della sentenza d’appello del 26-11-1990, che poi diverrà definitiva; e ancora di constatare, pure qui con un quadro che definire gravemente indiziario è dire poco, che anche la coeva causa Mondadori presenta impressionanti analogie (per l’iter processuale e la presenza sempre degli stessi `protagonisti’) con ciò che si è appurato rispetto alla `gemella’ controversia Imi-Sir”.
Dunque, scrivono ancora i giudici: “Il quadro che alla fine si delinea è certamente quello della `più grande corruzione’ nella storia dell’Italia Repubblicana e fors’anche di più, se si dovesse seguire l’opinione di uno degli imputati di questo processo: `Si parla di corruzione che non ha l’eguale nella storia d’Italia e forse del mondo’ (così Cesare Previti, interr. al Pubblico Ministero del 23-9-1997 acquisito alla udienza del 29-7-02).
Certo è che si tratta di un caso di corruzione devastante, atteso che tocca uno dei gangli vitali di un moderno stato democratico: quello della imparzialità della giurisdizione… fino al punto di poter parlare – in questo caso sì – di un degrado della Giustizia che da cieca fu trasformata in `giustizia ad uso privato”’.
Del resto: “appare assolutamente evidente come gli imputati Metta, Squillante, Previti, Pacifico e Acampora avessero eletto la corruzione in atti giudiziari a vero e proprio sistema di vita, a metodo attraverso il quale conseguire nel modo più facile – ma anche tra i più sordidi – quella ricchezza materiale evidentemente mai sufficiente, ponendo la loro professione, le loro capacità e le loro intelligenze al servizio ora di questo ora di quello tra i `clienti’ (leggi Rovelli e Berlusconi, ndr) disposti a pagare qualsiasi cifra pur di raggiungere il loro scopo”.
Infine per quanto riguarda la posizione del neoduce Berlusconi e il suo coinvolgimento in questo processo i giudici, pur considerandolo “il privato corruttore”, il “mandante” della mazzetta di 400 milioni di lire in contanti provenienti da una provvista Fininvest da 3 miliardi e consegnati da Pacifico a Metta dopo essere transitati dai conti esteri di Previti e Acampora, evitano di menzionare molti riferimenti a suo carico anche perché il neoduce è uscito molto disonorevolmente da questo processo già due anni fa ed è riuscito a farla franca grazie alla derubricazione del reato da corruzione giudiziaria a corruzione semplice e alla generosa concessione delle attenuanti generiche.
Ma nel capitolo dedicato a “I corruttori” i giudici non possono fare a meno di ricordare che: “il dibattimento non si è potuto giovare del contributo probatorio del coimputato Silvio Berlusconi, nei confronti del quale la Corte d’appello di Milano, con sentenza in data 12 maggio 2001, previa derubricazione nel reato di cui agli artt. 321, 319 c.p., ed a seguito del riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche, ha dichiarato non doversi procedere per intervenuta prescrizione.
L’esame di Silvio Berlusconi, inizialmente chiesto anche dal Pubblico Ministero e dalla parte civile CIR – che in seguito vi avevano tuttavia rinunziato – è stato infine disposto, ai sensi degli artt. 210 e 205 c.p.p. su richiesta dei difensori di Vittorio Metta, per la data del 15 luglio 2002, presso la sede in cui il Presidente del Consiglio dei Ministri esercita il proprio ufficio.
è tuttavia in seguito pervenuta al Tribunale missiva con la quale i difensori del dichiarante, nell’informare il Collegio che impegni istituzionali ne avrebbero impedito la presenza per lo svolgimento dell’incombente, ne preannunziavano altresì l’intendimento di avvalersi della facoltà di non rispondere alle domande, così come prevista dalla legge; ciò induceva il Tribunale a pronunziare ordinanza di revoca della ammissione di quel mezzo di prova.
Oggi, dunque, non resta che registrare l’assenza di dichiarazioni da parte del soggetto il quale, nella ipotesi accusatoria, era indicato come concorrente – nella veste di corruttore – nel reato per il quale si procede”.